Aziende in crisi e tagli del personale: capacità di REAGIRE

By 24 giugno 2016 Uncategorized No Comments

maniche_home1

Reagire, senza aspettare che la situazione sia esplicita e palese è sicuramente la strategia vincente, per uscire tali da un situazione di crisi aziendale.

Cosa fare?

Il primo passo è quello di proporsi, o ri-proporsi, al mondo del lavoro.

Al fine di farlo nella maniera più appropriata è necessario “riflettere” e analizzare determinate situazioni:

  • quali competenze/ esperienze possono fare da ponte verso altri lidi?
  • in quali (altre) funzioni potrebbe esserci spazio?
  • con chi ne parlo? ( col mio hr di riferimento, col mio capo, con altri manager)
  • cosa dice il mio CCNL?
  • quali sacrifici e rischi sono disposto a fare o correre?
  • a quale mobilità geografica sono disposto?
  • sono disposto a passi indietro come posizione organizzativa, o ad una attività iniziale più operativa per ricominciare in un’altra area professionale?
  • sono in grado di coniugare la “difesa” del ruolo, l’evidenza delle mie attese (settori) con altre possibilità, opportunità potenziali?
  • so trasmettere, far comprendere le mie caratteristiche professionali, i ruoli di riferimento coniugabili alle mie competenze hard, soft?
  • sono disposto ai rischi accettando progetti/attività nuovi per l’azienda ?

La mossa successiva è sicuramente agire.

  • Pianificare una serie di contatti utili per mantenere-sviluppare interesse attorno al proprio profilo,
  • Lavorare sull’arricchimento continuo delle proprie competenze, oltre che sulle capacità richieste dal mercato di oggi. Sapendole riportare su un adeguato CV, presentandoci miratamente, attirando l’attenzione sul proprio profilo, ecc.
  • Approfondire un’altra lingua, affrontando un applicativo SW, riprendendo in mano qualche importante testo (auto-formazione);
  • Partecipare a meeting e convegni tecnici, aderendo ad associazioni di professionisti;
  • Aprirsi al social networking, al mondo dei propri conoscenti, proponendoci in altri settori o in altre aree geografiche.

Il consiglio è dunque quello di essere proattivi: vivere con “valigia pronta” e mai farsi cogliere impreparati.

Il rapporto tra azienda e collaboratore è un rapporto di partnership: scade quando una delle due parti non ritiene più equo lo scambio a suo tempo concordato.

 

Leave a Reply